16/05/2020 – Chiaravalle della Colomba e Bobbio

SABATO 16 MAGGIO 2020 ORE 06.20 – Ritrovo dei partecipanti in via Transalgardo 2 a Padova e partenza alle ore 06:30 con pullman G.T. via autostrada per l’Emilia Romagna, l’escursione di oggi vi porterà a conoscere le bellezze del piacentino, provincia situata tra il Po e l’Appennino, confinante con la Lombardia ed il Piemonte. La prima tappa sarà l’Abbazia di Chiaravalle della Colomba incontro con la guida e visita

La fondazione dell’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, che sorge nella pianura piacentina, è merito della straordinaria attività di San Bernardo. La denominazione “della Colomba” è da attribuire ad una leggenda che narra come il perimetro del monastero sia stato indicato ai monaci da una colomba bianca con delle pagliuzze, ma forse più semplicemente è riferito al mistero dell’Annunciazione armonizzandosi così con la spiritualità mariana cistercense. La chiesa è dedicata a Santa Maria Assunta. Uno dei motivi per cui l’Abbazia è famosa in tutta Italia (e non solo.) è la celebre “Infiorata del Corpus Domini”, periodo maggio-giugno, quando viene allestito un meraviglioso tappeto fiorito lungo la navata centrale della basilica. E’ probabilmente quello il periodo migliore in cui visitare questo stupendo luogo di culto che unisce lo splendore architettonico dello stile Romanico-Gotico allo stile di vita spirituale e laborioso dei monaci che lo popolano.

Il suo chiostro integro in tutti i lati è uno dei meglio conservati tra le abbazie cistercensi, la chiesa dalle semplici linee in cotto favorisce il silenzio e la preghiera. Romanico-Gotico allo stile di vita spirituale e laborioso dei monaci che lo popolano. Il suo chiostro integro in tutti i lati è uno dei meglio conservati tra le abbazie cistercensi, la chiesa dalle semplici linee in cotto favorisce il silenzio e la preghiera.

Al termine proseguimento per Bobbio un piccolo comune di 3500 abitanti celebre per il suo aspetto medievale e per il lungo Ponte del Diavolo sul fiume Trebbia. È un luogo magico, che per il suo antico fascino ha conquistato il titolo di Borgo dei Borghi 2019. La storia di questo piccolo centro si perde nella notte dei tempi, infatti, la zona è stata abitata fin dalla preistoria, ma diventa un centro importante a partire dalla colonizzazione romana quando viene edificata la porzione del ponte oggi nota come il Ponte Gobbo, per diventare nell’alto medioevo uno dei centri più importanti del monachesimo occidentale. Infatti, proprio a Bobbio, il monaco irlandese San Colombano fonda un monastero che in breve tempo sviluppa una delle biblioteche più importanti e prestigiose di tutta la cristianità e dove sono conservati ancora oggi alcuni dei manoscritti latini più antichi e pregiati della storia. Per arrivare nel centro cittadino dovrete oltrepassare la prima famosa attrazione di Bobbio, il lungo Ponte del Diavolo, che attraversa il fiume Trebbia e che collega la città con la strada che porta a Piacenza. Questo ponte, di origine romana, è formato da 11 lunghe arcate irregolari che gli donano un aspetto originale e suggestivo, che è anche all’origine delle leggende sul suo nome. Infatti, si narra che il ponte venne costruito con questo aspetto dal diavolo stesso per spaventare i monaci del monastero di San Colombano e impedire loro di attraversare il fiume.
Arrivo a Bobbio e pranzo libero.
Nel pomeriggio incontro con la guida e visita del Bobbio con il centro storico, l’abbazia di San Colombano e il castello Malaspina. Al termine partenza per il rientro, con sosta tecnica per ristoro ed arrivo previsto in serata a Padova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.



Copyright © 2020 Cral Araba Fenice - Araba Fenice CRAL Monte dei Paschi di Siena in Padova.